la vrenzola identikit

La vrenzola ecco come riconoscerla

Condividi l'articolo

La vrenzola a Napoli è la versione femminile ro tamarro detto anche cuozzo.

E’ una donna piuttosto volgare che usa espressioni colorite nel parlare, solitamente di scarsa cultura, il cui unico scopo nella vita è mostrarsi agli altri nella maniera più appariscente possibile per essere più visibile delle sue rivali e colleghe vrenzole e conquistare quanti più fidanzati possibile ad ogni costo.

Quando un uomo piace alla vrenzola diventa il suo bersaglio e non si fa scrupolo di fare la prima mossa.

Una caratteristica che hanno in comune tutte le vrenzole è che hanno una altissima considerazione di se, si considerano bellissime e si permettono anche di chiamare vrenzole le altre persone.

La vrenzola non ama essere infastidita dagli uomini cui spesso replica con epiteti e con frasi della serie “scinneme a cuoll” scendimi da dosso, per dire non importunarmi.

La vrenzola spende tanto per vestirsi spesso comprando anche abiti griffati ma devono essere eccentrici altrimenti non le piacciono, della serie cose leopardate o fluorescenti.

Atteggiamenti tipici che ci consentono di riconoscere una vrenzola sono il masticare e far scoppiare continuamente chewing gum possibilmente big Babol per fare grossi palloncini, la musica neomelodica a tutto volume, il cantare le canzoni per strada, lo sculettare e far rumore coi tacchi altissimi.

Le vrenzole hanno un loro enclave composto da altre vrenzole di fiducia chiamate sorelle e si relazionano tra loro con epiteti come ammò teso’ e si fanno complimenti in continuazione.

Altra tipica conversazione tra vrenzole è parlare dei ragazzi che hanno abbordato la sera precedente o da cui sono state abbordate.

Personaggi molto semplici da intercettare per strada anche perchè parlano anche ad altissimo volume.

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Forse potrebbero interessarti anche questi altri articoli

I contenuti di questa pagina sono riservati a Napoli Misteriosa