Un portale sulla città di Napoli 

a cura di Marco Ilardi

chiesa di santa maria della concordia a napoli

Chiesa di Santa Maria della Concordia

Condividi l'articolo

La chiesa di Santa Maria della Concordia detta anche Santa Maria del Carmine alla Concordia si trova al in piazzetta Concordia, raggiungibile dal Corso Vittorio Emanuele scendendo da Piazzetta Cariati e fu fatta edificare nel 1556 dal Vicario provinciale dell’ Ordine Carmelitano Giuseppe Romano con le elemosine dei fedeli.

Nel piccolo convento adiacente vissero prima i frati carmelitani dell’ordine provinciale e poi vi si trasferirono quelli riformati della congregazione di Santa Maria della Vita.

La chiesa fu rifatta nel 1718 con un progetto dell’architetto Gian Battista Nauclerio e con un restauro minimalista del 1858 sparirono diversi ornamenti artistici.

La tela dell’altare maggiore e quella di Sant’Alberto sono opera del De Matteis, mentre Santa Maria Maddalena e l’arcangelo Michele appartengono alla scuola del Ribera.

Entrando in chiesa sulla destra troviamo la tomba di Gaspare Benemerino, figlio di un re africano che che si convertì alla religione cattolica e fu ascritto da Papa Urbano VIII tra i cavalieri commendatori della Immacolata Concezione e morto a Napoli nel 1641.

Nella prima cappella a sinistra invece una icona custodisce una tela di Andrea Miglionico con i Santi Francesco di Paola, Agata e l’Addolorata che adorano il Crocifisso.

Il convento, abbandonato dai frati fu dapprima utilizzato come carcere per reati contro il patrimonio, chiamato nella cultura popolare il Carcere dei debitori.

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Altri articoli che potrebbero interessarti