corradino di svevia chiesa di santa croce e purgatorio al mercato

Corradino di Svevia

Condividi l'articolo

Corradino morte in diretta: siamo a Napoli, il giorno è il 29 ottobre 1268 e ci troviamo a Campo Moricino , quella che voi attualmente conoscete come piazza Mercato.

Corrado V di Svevia, detto Corradino (Landshut, Wolfstein, 25 marzo 1252 – Napoli, 29 ottobre 1268), trascinato a forza in Piazza Moricino, sa che di lì a poco esalerà l’ultimo respiro.

corradino di svevia decapitato a piazza mercato
Corradino di Svevia decapitato a piazza mercato

Forse pensa al padre, Corrado IV, re dei Romani, e alla madre Elisabetta di Wittlsbach.

Forse pensa ai sudditi, essendo Re di Sicilia dal 1254 e di Gerusalemme.

Non sa, non può saperlo, di essere l’ultimo regnante degli Hohenstaufen.
Non sa, non può saperlo, che Hitler, dopo, il 1943, pretenderà le spoglie per portarle in Germania.
Ricorda di essere arrivato in Italia ben accolto a Verona, Pavia, Pisa.

E ricorda il trionfo tributatogli a Roma che gli fece radicare l’idea che potesse espugnare Viterbo e fare prigioniero il Papa.

Desistette, come aveva fatto suo nonno, prevedendo il disastro propagandistico che un’azione del genere avrebbe prodotto.
Ricorda anche la sconfitta subita ad opera dell’esercito di Carlo I d’Angiò nella battaglia di Tagliacozzo trovando rifugio nel castello dei Frangipane, presso Torre Astura, vicino Nettuno.

Ricorda il tradimento di Giovanni Frangipane, signore del luogo che lo consegna a Carlo.

Corradino ricorda come venne tradotto a Napoli per essere processato e la sentenza: giudicato colpevole di tradimento verso la Chiesa.
Ora è ritto, pronto alla esecuzione della condanna a morte.

Rimugina gli ultimi pensieri sul processo farsa, sotto lo sguardo attento di Giovanni da Procida, amico di Federico II che era pronto a raccogliere il testimone e a vendicarlo animando I Vespri Siciliani.
Carlo è implacabile nella decisione di giustiziare Corradino che ha soli 16 anni.
Teme, tuttavia, di inimicarsi le popolazioni conquistate giacché il ragazzo era evidentemente innocente rispetto alla accusa di infedeltà all’usurpatore francese.

Poteva, però, giustificarsi con la difesa dei diritti della Chiesa, la cui autorità Corradino aveva portato una minaccia.
Non ci sono documenti in cui il Papa, che più volte aveva rimproverato a Carlo la crudeltà e durezza dei metodi prende posizione sulla faccenda se non una lettera di Carlo al Papa in cui gli dice che Corradino ha meritato la fine che spetta ai “persecutori della Chiesa”.
Corradino è in attesa della morte.

Non può immaginare che la sua vicenda avrà anche una trasposizione cinematografica, diretta da Romolo Baccini,  incentrata proprio sulla battaglia di Tagliacozzo, sulla sconfitta, sulla fuga e sulla esecuzione della condanna a morte.

È il film Corradino di Svevia (L’ultimo degli Honenstaufen)uno dei primi film ambientati nel Medioevo: 1909. Ovviamente in B/N; genere drammatico/storico. Sceneggiatura di Ferruccio Sacerdoti. Casa di produzione: Vesuvio Films.
I cadaveri di Corradino e degli altri giustiziati a lui vicini, seguirono le sorti dello zio Manfredi: non ebbero sepoltura.
Furono trascinati verso il mare vicino e ricoperti con pietre dal popolo. Tempo dopo la madre riuscì a ottenere che il corpo di Corradino avesse una degna sepoltura.
Sul luogo dove avvenne l’esecuzione fu eretta una chiesa, l’attuale Santa Croce e Purgatorio Mercato, con la colonna commemorativa in porfido che ha incisa questa frase: Asturis ungue leo pullum rapiens aquilinum hic deplumavit acephalumque dedit, cioè: Il leone artigliò l’aquilotto ad Astura, gli strappò le piume e lo decapitò.
Le sue spoglie sono tuttora nella chiesa di Santa Maria del Carmine con il monumento funebre fatto erigere, secoli dopo, da Massimiliano II di Baviera.

In questa chiesa i monaci occultarono il corpo per evitare che Hitler riuscisse a farlo trasportare in Germania.
Al Carmine, in virtù del lascito della madre, vanamente accorsa a Napoli per riscattarlo, viene celebrata ogni anno una messa in suffragio del figlio Corradino.


Dante lo ricorda così (Divina Commedia, Dante Alighieri, Purgatorio Canto XX):

Figliuol fu’ io d’un beccaio di Parigi:
quando li regi antichi venner meno
tutti, fuor ch’un renduto in panni bigi
, 54

trova’ mi stretto ne le mani il freno
del governo del regno, e tanta possa
di nuovo acquisto, e sì d’amici pieno
, 57

ch’a la corona vedova promossa
la testa di mio figlio fu, dal quale
cominciar di costor le sacrate ossa
. 60

Mentre che la gran dota provenzale
al sangue mio non tolse la vergogna,
poco valea, ma pur non facea male
. 63

Lì cominciò con forza e con menzogna
la sua rapina; e poscia, per ammenda,
Pontì e Normandia prese e Guascogna
. 66

Carlo venne in Italia e, per ammenda,
vittima fé di Curradino; e poi
ripinse al ciel Tommaso, per ammenda
.
69

Tempo vegg’io, non molto dopo ancoi,
che tragge un altro Carlo fuor di Francia,
per far conoscer meglio e sé e ’ suoi
. 72

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Forse potrebbero interessarti anche questi altri articoli

I contenuti di questa pagina sono riservati a Napoli Misteriosa