Un portale sulla città di Napoli 

a cura di Marco Ilardi

faraglioni di capri
Condividi l'articolo

Che sono i faraglioni?

I faraglioni sono una delle principali attrazioni di Capri. Sono quattro scogli alti circa 100 metri nel mare a sud est dell’isola di Capri che sono stati modellati dalle onde e dal vento.

La grotta naturale nel faraglione di Mezzo, il Saetta

Quello unito alla terra si chiama Stella, quello in mezzo si chiama Faraglione di Mezzo o Saetta ed è attraversato da una grotta naturale. il successivo si chiama Scopolo. L’ultimo il più lontano si chiama invece il Monacone, dal nome di una specie di foca il bove marino che un tempo viveva da quelle parti.

Nei pressi del terzo faraglione lo Scopolo, vive una particolare lucertola chiamata lucertola azzurra.

Ai piedi dei faraglioni ci sono due noti lidi turistici che sono Luigi e La Fontelina.

Che significa la parola Faraglione

Il termine faraglione deriva dalla parola greca ϕάρος (o del latino pharus) che significa appunto faro.

Degli scogli alti ed appuntiti come appunto i faraglioni venivano usati per la navigazione come fari portando delle sterpaglie ed accendendo un fuoco sulla sommità.

Come arrivare ai faraglioni di Capri?

Per arrivarci bisogna percorrere il sentiero che si trova nei pressi del Belvedere di Tragara, che è anche il punto da cui si riescono a fare le foto più belle dalla terraferma.

È una popolare attrazione turistica perché ha una vista incredibile ed è di facile accesso.

I faraglioni di Capri sono una delle attrazioni più famose dell’isola di Capri e sono molto facili da raggiungere. Se desideri visitare i faraglioni, puoi raggiungere l’isola di Capri in aereo o in traghetto partendo da Napoli o da Salerno. Una volta arrivato a Capri, puoi raggiungere i faraglioni in diversi modi:

  1. In barca: puoi prendere una barca che parte dal porto di Marina Grande o dal porto di Capri e che ti porterà a vedere i faraglioni da vicino. Esistono diverse compagnie che offrono giri in barca intorno ai faraglioni e che ti permetteranno di ammirare queste formazioni rocciose da diverse angolazioni.
  2. A piedi: puoi raggiungere i faraglioni a piedi partendo dal centro di Capri. La passeggiata dal centro alla base dei faraglioni è abbastanza breve e panoramica, e ti permetterà di ammirare la bellezza dell’isola di Capri mentre cammini.
  3. In bus: puoi prendere un bus che parte dal centro di Capri e che ti porta alla base dei faraglioni. Una volta arrivato alla base, potrai fare una passeggiata fino ai faraglioni e ammirarli da vicino.
  4. In taxi: puoi prendere un taxi che ti porterà direttamente alla base dei faraglioni. Questa è forse la soluzione più comoda, ma anche la più costosa.

Indipendentemente dal mezzo che sceglierai per raggiungere i faraglioni, ricorda di indossare scarpe comode e di portare con te una bottiglia d’acqua, soprattutto se deciderai di fare la passeggiata a piedi. Inoltre, non dimenticare di portare con te una macchina fotografica per immortalare questo spettacolare paesaggio.

Chi si bacia sotto i faraglioni?

La leggenda dice che chi si bacia sotto l’arco del faraglione Stella si prometta amore eterno, mentre invece il semplice passare con la barca vicino ai faraglioni renda le donne fertili, quindi se desiderate un bebè dovete assolutamente fare un giro in barca ai faraglioni.

Come si sono creati i faraglioni?

Capri rappresenta geologicamente il naturale prolungamento della penisola sorrentina.

I faraglioni sono frutto dell’azione erosiva dell’acqua sulle rocce del promontorio di Tragara da cui si sono distaccati.

I faraglioni di Capri sono stati formati geologicamente da un processo di erosione e di frantumazione della roccia dovuto alle azioni del vento, dell’acqua e delle onde del mare. Si tratta di rocce calcaree, che sono state modellate dall’azione degli agenti atmosferici e dall’azione del mare sulla costa.

In particolare, il processo di erosione è stato favorito dalla presenza di fessure e di crepe nella roccia, che hanno permesso all’acqua di penetrare all’interno della roccia e di eroderla dall’interno. Con il tempo, questo processo ha portato alla formazione di cavità e di anfratti nella roccia, che poi sono stati scolpiti dalle onde del mare e dal vento in modo da assumere la forma di cui oggi si presentano i faraglioni.

Inoltre, il processo di frantumazione della roccia è stato favorito dal fatto che la zona in cui si trovano i faraglioni di Capri è soggetta a forti escursioni termiche durante il giorno e la notte, a causa della presenza del mare e della posizione geografica dell’isola. Queste escursioni termiche hanno contribuito a indebolire la roccia, facendo sì che si rompesse e si fratturasse più facilmente sotto l’azione delle onde del mare.

Inoltre, anche la presenza di diverse strutture geologiche nella zona, come ad esempio le faglie, ha contribuito a favorire il processo di erosione e di frantumazione della roccia che ha portato alla formazione dei faraglioni di Capri.

Come visitare i faraglioni

Per visitare i faraglioni innanzitutto devi raggiungere l’isola di Capri.

Puoi farlo da Napoli Molo Beverello, da Sorrento, Salerno e d’estate pure da Ischia, Positano ed Amalfi.

Per andare a visitare i faraglioni bisogna andare a Marina Grande dove ci sono delle ditte che organizzano dei tour organizzati via mare al costo di 18 – 20 euro circa e vi portano fin sotto i faraglioni.

Il video dei faraglioni a Capri

Un nostro bellissimo video dei faraglioni a Capri ripresi dalla barca che passa anche sotto alla grotta del Faraglione di Mezzo.

Barca che attraversa la grotta naturale del faraglione Saetta a Capri

Faraglioni di Capri leggenda di Poseidone

I faraglioni di Capri sono stati oggetto di numerose leggende e miti nel corso dei secoli. Una delle leggende più famose riguarda la nascita dei faraglioni e racconta che essi sarebbero stati creati dal dio del mare, Posidone, che avrebbe scagliato contro l’isola di Capri tre enormi scogli per punire i suoi abitanti per aver osato sfidare la sua autorità.

Secondo la leggenda, i faraglioni sarebbero stati scagliati contro l’isola con tanta forza da affondare profondamente nel terreno e da rimanere incastrati lì per sempre, creando così le tre formazioni rocciose che oggi sono conosciute come i faraglioni di Capri.

Un’altra leggenda racconta che i faraglioni sarebbero stati creati dalla trasformazione in pietra di tre giganti che avevano osato sfidare il potere di Posidone. Anche in questo caso, la leggenda vuole che i faraglioni siano stati creati dalla forza del mare e che rappresentino la punizione inflitta a coloro che avevano osato sfidare la volontà del dio del mare.

Inoltre, i faraglioni di Capri sono stati anche oggetto di numerose leggende riguardanti la loro bellezza e il loro fascino, che hanno reso queste formazioni rocciose un luogo di grande attrazione per turisti e viaggiatori di ogni parte del mondo.

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Altri articoli che potrebbero interessarti