Un portale sulla città di Napoli 

a cura di Marco Ilardi

anniversario quattro giornate di napoli

79° anniversario quattro giornate Napoli

Condividi l'articolo

In occasione del 79° Anniversario delle Quattro Giornate di Napoli Il Sindaco Gaetano Manfredi ha partecipato alla cerimonia di deposizione di corone d’alloro presso il Mausoleo di Posillipo, Piazza Bovio (lapide ingresso Camera di Commercio e Piazza Carità (stele Salvo D’Acquisto).

“È molto importante ogni anno ricordare e celebrare le 4 giornate di Napoli.

Napoli è il luogo da cui è partita una grande resistenza popolare grazie alla quale i nazifascisti sono stati cacciati dalla nostra città.

sindaco manfredi depone corona di fiori anniversario mo anniversario quattro giornate di napoli
sindaco Manfredi depone corona di fiori anniversario quattro giornate di Napoli

Ci furono enormi sacrifici e atti di eroismo da parte di militari, partigiani, cittadini normali. Conservare la memoria di quegli eventi è importante per tutti noi ma soprattutto per i giovani.

L’anno prossimo ci sarà l’anniversario degli 80 anni delle 4 giornate e siamo già al lavoro per un grande programma di ricordo e commemorazione di uno dei periodi più importanti della storia di Napoli” ha dichiarato Manfredi.

Cosa sono le quattro giornate di Napoli

Furono un insurrezione dei cittadini napoletani che avvenne durante la seconda guerra mondiale contro gli occupatori nazisti, precisamente dal 27 al 30 settembre 1943.

I napoletani riuscirono senza armi a cacciare autonomamente i nazifascisti dalla città e quando gli americani entrarono la trovarono già libera.

Per quest’atto eroico i cittadini napoletani hanno ottenuto la medaglia d’oro al valore militare.

La rivolta partì dal Vomero e si estese rapidamente a Bagnoli, alla Villa Floridiana ed al Bosco di Capodimonte.

Hitler aveva ordinato che Napoli fosse ridotta in cenere prima che i nazisti la lasciassero ma grazie all’eroismo di tanti napoletani, soprattutto i circa 500 caduti in battaglia ciò non avvenne.

La zona del Vomero dove cominciarono gli scontri con l’assalto ad un auto di un dirigente nazista è stata chiamata in memoria di questo evento Piazza Quattro Giornate e c’è anche una fermata della metropolitana con la quale è facilmente raggiungibile da tutta la città.

Particolarmente significative sono la figura di Gennarino Capuozzo, scugnizzo di soli 11 anni, morto in battaglia e del professor Antonio Tarsia del Vomero che fu uno degli uomini che presero il comando delle operazioni che portarono alla liberazione di Napoli.

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Altri articoli che potrebbero interessarti