pier macchie menestrello napoletano artista di strada

Pier Macchiè

Condividi l'articolo

Se bazzicate la galleria Umberto o passeggiate per il ponte di Castel dell’Ovo non potete non aver mai visto Pier Macchiè.

Spesso lo si vede anche per Via Roma sul suo improbabile mezzo di locomozione, un motorino da lui appositamente modificato con cui si sposta da casa nei luoghi di lavoro abituale, dove svolge orgogliosamente il bellissimo lavoro dell’artista di strada.

Piermacchié è una maschera napoletana di strada, attore, musicista e poeta, scrive i propri spettacoli che recita, canta e suona per le strade della città in forma di duetto con Chiappariello, un passante immaginario dalla voce registrata.

piermacchie artista di strada napoli

Si esibisce con un manviolino, strumento ad arco e plettro di sua ideazione e costruzione: metà mandolino e metà violino.

Recentemente lo abbiamo visto anche in televisione nella trasmissione di Lino d’Angiò ed Alan de Luca “E che Teatro”, dove abbiamo avuto modo di ascoltare alcuni dei suoi brevi e divertenti componimenti.

Pierangelo, questo è il suo vero nome, è un vero professionista: si è prima diplomato alla Accademia delle belle arti presso ABANA – Accademia di Belle Arti di Napoli e successivamente si è diplomato al Conservatorio di San Pietro a Maiella.

Quindi un artista a tutto tondo: scultore, pittore e musicista che ha scelto spontaneamente di portare per strada la sua arte diventando a tutti gli effetti un simbolo della nostra città.

Potete seguirlo sulla sua pagina Facebook dove quotidianamente produce video delle sue attività e delle simpatiche gag col suo amico Chiappariello.

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Forse potrebbero interessarti anche questi altri articoli

I contenuti di questa pagina sono riservati a Napoli Misteriosa