Real albergo dei poveri Napoli

Real albergo dei poveri

Condividi l'articolo

Il Real Albergo dei poveri di piazza Carlo III ,fu voluto dal re di Napoli Carlo III di Borbone come simbolo della pietà illuminata della casata.

Con i suoi 100mila metri quadri e gli oltre 350n metri di lunghezza della facciata , i 9 chilometri di sviluppo lineare dei corridori ,430 stanze distribuiti su 4 livelli e all’incirca 8 metri di altezza della sala piu’ grande , il Real Albergo dei poveri resta uno degli edifici piu’ grandi di Europa.

L’edificio rappresenta -la piu’ monumentale struttura di barocco Napoletano e per le sue dimensioni fu una delle maggiori fabbriche del 1700 a causa anche alla politica riformista dei Borboni.
Il re Carlo di Borbone volle cosi dimostrare e promuovere la grandiosità del Regno di Napoli , e nel contempo a risolvere dei gravi problemi della città. Infatti esso avrebbe dovuto accogliere l’enorme massa di persone in stato di indigenza , per recuperarle , offrendo loro istruzione , una possibilità di riscatto e di inserimento sociale.

Moltissime furono le attività nate intorno all’edificio , e numerose diventarono famose per la produzione di eccellenza e qualità , come quella delle ricamatrici o come la scuola di musica che fornì per anni eccellenti musicisti.
Attualmente i lavori di restauro mirano al recupero delle parti danneggiate con materiali e ecologici e nuove tecnologie, come ad esempio la ricostruzione della copertura con pannelli solari ,tutto questo integrandolo co i materiali originali del Real edificio come il tufo.
La grandiosità delle proporzioni mette gli addetti ai lavori ,e i visitatori un senso di sgomento.
Circa 16milioni di euro sono stati stanziati negli anni passati per la ricostruzione dal Ministero dei Beni Culturali e le attività culturali con i fondi del Gioco dell’Otto dall’otto per mille e dal comune citta di Napoli e in ultimo con un progetto di Sviluppo Italia con fondi della C.E.

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Forse potrebbero interessarti anche questi altri articoli

I contenuti di questa pagina sono riservati a Napoli Misteriosa