a bella mbriana

A bella mbriana

Condividi l'articolo

Bella Mbriana , leggendaria figura dell’immaginario napoletano legata alla fortuna , s’identifica con lo spirito della casa , l’angelo del focolare ,protettrice della famiglia , a Bella Mbriana regna , controlla e consiglia gli abitanti della casa spesso insieme al munaciello.

A bella ‘mbriana è una creatura curiosa e indiscreta , non è raro scorgerla tra le pieghe dei tendaggi , nelle antiche abitazioni di Napoli , la benevola principessa adora sbirciare nelle vite dei suoi protetti .

La bella mbriana , un po’ come tutte le principesse , è capricciosa e ama l’ordine e la pulizia , tanto che un’ abitazione sporca e non ordinata , di certo non merita i suoi favori.

Nei tempi passati , i napoletani erano soliti rimanere un posto a tavola in più , affinchè lo spirito buono potesse riposarsi e donare alla casa e a i suoi abitanti un po’ di benessere e salute.

Altra credenza che ancora esiste in alcune famiglie a Napoli , è quella di non parlare mai male della casa , o di progettare traclochi ad alta voce , per non irritare la Bella’mbriana.

L’animale che spesso è associato a questa figura è il geco , sorta di lucertola che nelle caldi notti estive è solito vederlo sui muri delle case a Napoli , ed i Napoletani si guardano bene dal disturbarlo .

E ‘stata resa celebre da una canzone di Pino Daniele del 1982 che da anche il titolo all’omonimo album di cui riportiamo il testo:

Dint’ ‘o scuro e chi me vede
Si sapisse che puo’ da’ matina e sera
T’aggio visto crescere e canta’
T’aggio visto ridere e pazzia’

Dint’ ‘o scuro e nun se crede
Si sapisse votta a passa’ sta jacuera
T’aggio visto chiagnere e jastemma’
T’aggio visto fottere e scanna’

Bonasera bella ‘mbriana mia
Cca’ nisciuno te votta fora
Bonasera bella ‘mbriana mia
Rieste appiso a ‘nu filo d’oro
Bonasera aspettanno ‘o tiemppo asciutto
Bonasera a chi avanza ‘o pere c’o’ core rutto

Che paura a primmavera
Nun saje cchiu’ che t’haje aspetta’ e che succede
L’aggio visto ‘a guerra vuo’ vede’
So’ ati tiempe e tu che puo’ sape’

‘Nfaccia ‘o muro ce sta’ ‘o core
‘E chi pava sempe e nun sente dulore
E aggio visto ‘e notte ‘o fuoco a mmare
Chino ‘e rrobba e cu’ ‘nu fierro mmano

Bonasera bella ‘mbriana mia
Cca’ nisciuno te votta fora
Bonasera bella ‘mbriana mia
Rieste appiso a ‘nu filo d’oro
Bonasera aspettanno ‘o tiempo asciutto
Bonasera a chi torna ‘a casa c’o’ core rutto

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Forse potrebbero interessarti anche questi altri articoli

I contenuti di questa pagina sono riservati a Napoli Misteriosa