quartieri malfamati di napoli da evitare pericolosi

Quartieri malfamati Napoli

Condividi l'articolo

Per quello che si vede e si sente in televisione, alcune delle principali ricerche che fanno i turisti prima di intraprendere una visita a Napoli è quartieri da evitare a Napoli.

Chi vi scrive è napoletano ed ovviamente è di parte, ma mi rendo conto che con tutte le cose che si sentono in televisione qualche dubbio al turista viene.

Ricordo ancora un episodio che mi è capitato qualche anno fa.

Mi trovavo nella metro che da Pozzuoli porta a Montesanto perché dovevo recarmi a Santa Lucia dove allora lavoravo.

Mi siedo nel treno casualmente accanto ad una famiglia di Padova, padre madre e figlia.

Volevano andare a visitare Piazza del Plebiscito e mi chiesero indicazioni.

Io gli dissi che dovevano scendere a Montesanto attraversare la Pignasecca poi andare su Via Roma e da lì facilmente avrebbero raggiunto Piazza del Plebiscito.

Dissi che poiché dovevo fare lo stesso tratto di strada avrei potuto accompagnarli: loro diffidenti rifiutarono.

Una volta giunti a Montesanto scendemmo dal treno, ed appena uscirono dalla stazione e videro la Pignasecca mi chiesero se gentilmente avrei potuto accompagnarli.

Si erano spaventati probabilmente. Li accompagnai per i vicoli e poi a Via Roma gli diedi indicazioni e ci salutammo perchè andavo di fretta quindi con un passo più svelto.

Quello che voglio dire è che magari Napoli è sporca, chiassosa caotica, ma la prima impressione non è quella che conta.

Alcuni posti come appunto la Pignasecca, i Quartieri, la ferrovia la Sanità indicati anche talvolta su delle guide come luoghi pericolosi e malfamati di Napoli perché pieni di rapinatori e di scippatori in realtà non lo sono.

Premesso che tutte le città sono pericolose, se vi avventurate a tarda sera da soli in vicoli bui con un Rolex o catenine d’oro è possibile che vi capiti qualche disavventura, ma non solo a Napoli ovunque.

Molti quartieri sono molto vivi anche a tarda sera come ad esempio la Sanità che è molto frequentata per la casa di Totò, il cimitero delle fontanelle, la Pasticceria Poppella e la pizzeria Concettina ai Tre Santi.

Anche se ci andate di sera non vi preoccupate che non vi succede niente.

Anche i quartieri spagnoli adesso oltre al museo di Maradona a cielo aperto è piena di localini tipici e di bed and breakfast ed è assolutamente un quartiere turistico da visitare.

Del resto nella classifica delle città più pericolose d’Italia Napoli è al quattordicesimo posto.

Non lasciatevi suggestionare dalle serie televisive e dai romanzi criminali.

Io adesso ho 52 anni giro spesso per Napoli anche di notte e non subisco una rapina da quando avevo 23 anni, per farvi capire che non sono cose che accadono tanto facilmente.

Concludo dicendo che non vivete Napoli con pregiudizio, calatevi nella nostra realtà e come tanti piangerete due volte visitandola: quando arriverete e quando andrete via.

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Forse potrebbero interessarti anche questi altri articoli

I contenuti di questa pagina sono riservati a Napoli Misteriosa