Un portale sulla città di Napoli 

a cura di Marco Ilardi

Spiaggia di Acquamorta la leggenda

la leggenda della spiaggia di acquamorta a monte di procida
Condividi l'articolo

La spiaggia di Acquamorta è una spiaggetta con un bellissimo porticciolo che si trova in una insenatura nel comune di Monte di Procida a circa 16 km da Napoli con vista sull’isolotto di San Martino e che guarda verso l’isola di Procida.

Nell’area tra la spiaggia di Acquamorta e Miliscola c’è l’oasi di Torrefumo con un bellissimo percorso a piedi dove si possono ammirare nella lugana, un piccolo specchio d’acqua, piccoli pesciolini saltare fuori dall’acqua e nidi di uccelli.

La leggenda narra che questa spiaggetta fosse il luogo preferito dove trascorrere le sue giornate per una giovane e bellissima ragazza di nome Acqua.

Suo padre era un ricco possidente molto possessivo e geloso e la opprimeva con le sue manie.

La ragazza per trovare un po’ di pace, trascorreva le sue giornate pensierosa sulla spiaggia di Acquamorta dove si intratteneva facendo il bagno, prendendo un po’ di sole e guardando i pescatori andare e tornare dalle battute di pesca.

Un giorno però il mare era agitato ed Acqua si spinse un pò troppo al largo: sappiamo che nel canale di Procida ci sono molte correnti insidiose e la ragazza era in difficoltà.

Uno di questi pescatori però di nome Giosuè, la salvò e la ricondusse a riva.

I due allora fecero amicizia ed ogni giorno Giosuè di ritorno dalla battuta di pesca si fermava a parlare con Acqua.

Una sera tempestosa però la barca di Giosuè affondò ed il ragazzo perse la vita.

Disperata Acqua si lanciò tra le onde per cercare di salvarlo e affogò probabilmente anche lei perché il suo corpo non fu mai ritrovato.

Da quel momento anche l’acqua sembrò morta perché con la morte dei due giovani si placò anche la furia delle onde e da allora nella baia c’è una calma piatta.

Come raggiungere la spiaggia di Acquamorta

Il modo più semplice è prendere la cumana a Montesanto nella Pignasecca e scendere a Torregaveta.

Lì ci sono delle navette EAV che portano a Monte di Procida.

Con la macchina dovete prendere la tangenziale ed uscire a Pozzuoli, non la prima uscita ma la seconda , risalire per il lago d’Averno e passare per Bacoli.

Vi consiglio la prima opzione perché c’è sempre molto traffico in quelle zone.

© RIPRODUZIONE VIETATA

È vietato che l’ articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito. Per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in questo sito, anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale, è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e/o l’inserimento di un link diretto alla pagina di riferimento.

Altri articoli che potrebbero interessarti